Pubblicato in: Uncategorized

L’America ha vinto i Mondiali

coppa del mondo femminile

La coppa del Mondo delle donne è stata seguitissima in America, ma anche nel calcio il gap tra salari maschili e femminili resta altissimo

L’America ha vinto i Mondiali di calcio, ma in Italia si parla solo del nostro calciomercato. Anzi no, una notizia sui campionati del mondo femminile che si sono appena conclusi in Canada appare anche sulle prime pagine on line dei quotidiani: una giocatrice della squadra americana ha festeggiato la vittoria baciando la moglie che la applaudiva sugli spalti. A quelle bestie dei lettori italiani può interessare solo il gossip sulla calciatrice omosessuale, avranno pensato i caporedattori. In fondo, come diceva il capo della lega dilettanti italiano Belloli, cosa si danno a fare i finanziamenti alla lega femminile di calcio, se si tratta solo di “quattro lesbiche”. Le “quattro lesbiche” negli Stati Uniti hanno conquistato un pubblico di 25 milioni di persone, rendendo la finale dei mondiali femminili (Usa-Giappone 5 a 2) l’evento calcistico più seguito di sempre in America. E gli sponsor hanno preso atto che il fenomeno è in ascesa, tanto che la star della nazionale Usa Alex Morgan fa già la pubblicità a McDonald e Panasonic. Ma anche negli Usa le istituzioni sportive continuano a puntare sui maschi, limitando gli stipendi delle giocatrici a un massimo di 37800 dollari annui mentre i logo colleghi uomini prendono una media di 305mila dollari, con picchi di 4.3 milioni (Thierry Henry).

Al di fuori dei circuiti ufficiali, però, il calcio femminile è una risorsa di emancipazione che può essere sfruttata con profitto. L’organizzazione tedesca Discover Football, che sostiene le donne giocatrici in tutto il mondo per combattere qualsiasi tipo di discriminazione, ha appena organizzato un torneo internazionale a Berlino. In queste occasioni, le sportive non hanno solo la possibilità di viaggiare e divertirsi, ma anche di confrontarsi con donne di Paesi o regioni ostili tra loro che che hanno in comune l’amore per il calcio. Quest’anno il torneo è stato vinto dalla squadra White sand, formata da giocatrici tibetane e di Shangai, calciatrici cambogiane, serbe, sudafricane e keniote.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...