Pubblicato in: Uncategorized

Una donna in meno

Donne nigeriane scampate a un raid di Boko Haram
Donne nigeriane scampate a un raid di Boko Haram

In questo momento una donna in Nigeria si sta preparando a esplodere. E non è la fede che la spinge a morire

Immagina di nascere in Nigeria, di avere due cromosomi X e una madre che ha ereditato la fede cristiana. In realtà della religione te ne frega poco, da queste parti è una questione di appartenenza, di famiglia, e tutti celebrano tutti riti strani, che mischiano la Madonna alle divinità atmosferiche. A te interessano altre cose. Ti piacerebbe diventare un’insegnante, perché vorresti avere un ruolo importante. Ti piacerebbe trovare un marito bello e soprattutto affidabile. Ti piacerebbe avere una casa moderna, col bagno e anche lo sciacquone.

Invece no.

Un giorno come un altro, mentre vai a scuola, ti rapiscono quelli di Boko Haram.

Non sei l’unica, di vittime come te ce ne sono migliaia. L’attività principale del gruppo fondamentalista è proprio quello di prendere ostaggi. Hanno difficoltà a racimolare fondi ormai, perché hanno perso molti territori e di conseguenza possono estorcere poco denaro a popolazione e amministratori locali. Si sono anche affiliati allo Stato Islamico per entrare in un network più potente, dal quale speravano di ricavare un bel po’ di finanziamenti. Ma le filiali di Isis si stanno moltiplicando e la crisi è arrivata anche per gli sceicchi che finanziano il jihad. C’è da dare soldi ai siriani, agli iracheni, ai somali, agli yemeniti, ai libici. I jihadisti nigeriani se la devono cavare da soli.

I jihadisti nigeriani se la cavano da soli ma sono sempre arrabbiati e se la prendono con te. Per loro sei solo l’ennesimo ostaggio e la tua famiglia non ha molti soldi, quindi sei poco remunerativa. Un fallimento. Allora ti stuprano, così almeno servi a qualcosa. Hai solo 16 anni, non hai mai fatto l’amore, ma a loro non importa, non sei un essere umano, sei un bottino. Ti chiudono in una capanna. Ogni tanto qualche miliziano entra, spesso è drogato e ha gli occhi spiritati. Sono tutti sporchi, vestiti di stracci fetidi. Hai l’incubo di restare incinta. Dopo due mesi di prigionia e di stupri, naturalmente, il tuo incubo si avvera. Non ti vengono più le mestruazioni, c’è un piccolo Boko Haram che sta crescendo dentro di te. Non riesci nemmeno più a pensare, a ricordare la faccia di tua madre. Vorresti solo morire, liberarti di quei mostri che ti hanno tolto tutto.

E stavolta il tuo desiderio viene esaudito. I guerriglieri non sanno più dove sbattere la testa, i soldi ricavati dai rapimenti sono pochi, il clamore sollevato dalla campagna di Michelle Obama per le studentesse nigeriane si è spento. Tutti parlano di profughi siriani, nessuno spende una lira per la Nigeria. L’unico modo per risvegliare l’attenzione di qualcuno sono gli attentati e quelli che funzionano meglio sono gli attacchi suicidi, fanno più vittime. Con tutti questi ostaggi che avanzano, questa merce avariata che non serve più a niente, perché non  infilare una cintura esplosiva su una di queste schiave? Tu te la fai mettere, tanto l’alternativa è restare lì per sempre, farsi usare, partorire chissà quante nuove reclute del jihad. Non hai più alcuna speranza. Vai dove ti dicono, fai quello che ti dicono, tiri la corda quando te lo dicono. Muori per loro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...