Pubblicato in: Uncategorized

Ragazze di oggi

Lila Tretikov, presidente Wikimedia Foundation
Lila Tretikov, presidente Wikimedia Foundation

La società sarà ancora maschilista, ma sono sempre di più le organizzazioni che vogliono cambiare il mondo seguendo una guida femminile  

Oggi è la giornata mondiale contro le violenze sulle donne. Sembra incredibile, eppure ci sono ancora parecchi uomini che pensano di poter disporre delle proprie compagne come di un qualsiasi oggetto di proprietà. Ai governi si chiede di rispondere con politiche repressive nei confronti dei responsabili, ma serve davvero a qualcosa punire il maschio dopo che la femmina è già stata violentata? Molte organizzazioni non governative preferiscono lavorare sulla prevenzione, ritenendo che dare più potere di autodeterminazione alla donna significhi anche darle la possibilità di difendersi meglio. In pratica, mentre i governi puntano ancora sugli uomini – cercando di educarli, redarguirli, punirli – le ong puntano sulle donne, invitate a conquistare il potere e a farsi aiutare da altre donne. Possiamo essere scettici quanto ci pare su concetti come sorellanza o solidarietà femminile, ma è un fatto che le organizzazioni che meglio di tutte le altre sono riuscite ad influire sul miglioramento della società e sulla limitazione della violenza sono spesso guidate da donne. Su 20 Ong indicate da The Global Journal come le più efficaci del globo, la metà esatta ha un presidente di sesso femminile. Un dato sorprendente, considerando che invece, tra le 20 società profit più grandi del mondo la percentuale di leader donne è ZERO.  Mentre tra i Paesi più ricchi del mondo, quelli del G8, c’è solo la Merkel a salvare la bandiera.

Ecco qui le 20 organizzazioni non governative più importanti del mondo, con accanto il loro presidente.

Brac – Sir Fazle Hasan Abed

Wikimedia foundation – Lila Tretikov

Acumen – Jacqueline Novograf

Danish refugee council – Andreas Kamm

Partners in health – Joia Mukherjee

Ceres – Mindy S. Lubber

Care international – Wolfgang Jamann e Abby Maxman

Msf – Joanne Liu

Cure violence – Gary Slutkin

Mercy corps – Nancy Lindborg

Apopo – Christophe Cox

Root capital – William Fulbright Foote

Handicap international – Claire Vaudray Radisson

IRC -David Miliband

Barefoot college – S. Anandalakshmy

Landesa – Chris Jochnick

Ashoka – Bill Dryton

One acre fund – Joel Ackerman

Clinton health access initiative – Donna Shalala

Heifer international – Pierre Ferrari

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...