Pubblicato in: elezioni

Da Ikea ai risultati elettorali spagnoli in dieci passi

 

Da sinistra a destra: Mariano Rajoy (Ppe), Albert Rivera (Ciudadanos), Pablo Iglesias (Podemos) e Pedro Sanchez (Psoe)
Da sinistra a destra: Mariano Rajoy (Ppe), Albert Rivera (Ciudadanos), Pablo Iglesias (Podemos) e Pedro Sanchez (Psoe)

1) Ikea apre il suo museo. La celebre azienda svedese vuole celebrare i suoi successi mettendo in mostra gli oggetti che ha creato negli ultimi 70 anni (è stata fondata nel 1943) Il 30 giugno ci sarà una grande cerimonia di apertura a Älmhult, in Svezia, in cui migliaia di persone visiteranno stanzoni pieni di mobili, ma stavolta non potranno nè toccarli nè comprarli. La struttura del museo è grande 7mila metri e contiene 20mila oggetti

2) Contemporaneamente all’apertura del museo verrà inaugurato un programma di formazione da parte dei professionisti di Ikea, che proprio nel Museo istituiranno il proprio dipartimento per l’educazione.  Il focus è quello dell’imprenditoria, della tecnologia e del design

3) In particolare il Museo di Ikea sta lanciando un corso per i designer del futuro. L’obiettivo sarà imparare a sviluppare una serie di prodotti e apprendere nozioni di logistica. La filosofia è quella di Ikea: coniugare un pensiero innovativo, fresco e giovane con le necessità di tutti, in particolare di chi non ha grandi disponibilità economiche, in modo da svolgere sia una funzione economica e artistica che una funzione sociale

4) L’obiettivo di Ikea, leader nel suo settore, è lo stesso che si danno la maggior parte dei designer in questa fase storica. I professionisti del settore, infatti, si sono riuniti in 12mila a Barcellona all’inizio di questo mese. Hanno partecipato alla settimana del Design organizzata dal Barcelona Centro de deseno (Bcd)

5) Il Bcd preme per un’innovazione che favorisca il benessere sociale. Vuole fare della Catalogna un “polo di eccellenza nel design, secondo un modello sostenibile e economicamente giusto, che favorisce la competitività, l’esportazione e il welfare dei suoi cittadini”.  E la Settimana del design “difende il valore economico e sociale del design.

6) La Catalogna è da tempo un polo di attrazione per giovani talenti e professionisti trenta- quarantenni che hanno visto un Barcellona la possibilità di coniugare le loro ambizioni economiche a una buona qualità della vita per loro e per la società

7) In Catalogna si è formato un nucleo forte di borghesia delle professioni ancora giovane che ha abbandonato una visione ideologica della politica e cerca un approccio molto più pratico. È una classe media secolarizzata e tendenzialmente liberale

8) Questa classe media è il bacino da cui attingono le due formazioni che hanno messo in crisi il sistema bipartitico spagnolo: Podemos e Ciudadanos. Podemos raggruppa Indignados e altri gruppi di sinistra e a dicembre 2015 aveva sorpreso tutti raccogliendo il 20 per cento dei voti. Ciudadanos è considerata più di destra, perché alcuni dei suoi dirigenti provengono dal Ppe, ma molte delle sue battaglie sono considerate vicine alla sinistra. Entrambe le formazioni raccolgono lo scontento di chi non vuole votare né Ppe né Psoe. Ed entrambe attraggono voti da giovani professionisti urbanizzati con un grande desiderio di cambiamento

9) Ciudadanos, in particolare, è nata in Catalogna in forte contrapposizione agli indipendentisti.  Nel 2015 è riuscita a raccogliere il 13 per cento dei voti, ma alle consultazioni del 26 giugno è scesa da 40 a 32 seggi a causa dell’appello al voto utile del Ppe, che infatti ha guadagnato 14 seggi

10) Adesso che il Ppe ha guadagnato potere a danno di Ciudadanos, sembra non avere intenzione di rafforzare il suo piccolo “rivale” accogliendolo in una coalizione di governo. I Popolari, infatti, vorrebbero negoziare con i socialisti la formazione di un governo di unità nazionale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...